Friday, February 23, 2018

La Marina turca minaccia di speronare l'italiana Saipem 12000

Saipem 12000
Se non è un atto di guerra, poco ci manca. La nave per ricerche petrolifere dell’Eni, Saipem 12000 è stata costretta a cambiare rotta, dopo essere stata questa mattina intercettata e minacciata di speronamento da cinque navi della Marina turca, mentre tentava di dirigersi verso il Blocco 3 nelle acque della Zona economica esclusiva di Cipro.


 Lo ha riferito il vice portavoce del governo cipriota Victoras Papadopoulos, secondo quanto riporta Cyprus Mail. Secondo Papadopoulos, il capitano della Saipem, dopo essersi consultato con i vertici dell’Eni, ha tentato di dirigersi verso la zona di esplorazioni, ma è stato poi intercettato dalle unità turche che, “hanno minacciato l’uso della forza”.

Il capitano, racconta Papadopoulos, “nonostante il suo coraggio e i suoi lodevoli tentativi sfortunatamente è stato costretto a invertire la rotta”. Il portavoce del governo cipriota ha anche reso noto che le comunicazioni tra la Saipem e le navi turche sono state registrate e saranno allegate al ricorso che Cipro presenterà ai tribunali internazionali.

 Il governo cipriota, ha detto ancora Papadopoulos, è determinato ad esercitare i propri diritti sovrani sulla propria Zona economica esclusiva e anche l’Eni è determinata a far giungere la propria nave nella zona stabilita per le esplorazioni.

La Saipem 12000 è partita dall’area dove era rimasta ferma due settimane a circa 30 miglia dall’area di ricerca petrolifera al largo di Cipro ed è in viaggio in direzione del Marocco, per occuparsi di attività offshore nel paese.
[secoloditalia.it]
 23/2/18
-
Articoli relazionati:

--

7 comments:

  1. La nave Saipem 12000 è partita dall'area dove era rimasta ferma due settimane a circa 30 miglia dall'area di ricerca petrolifera al largo di Cipro ed è in viaggio in direzione del Marocco, per occuparsi di attività offshore nel paese. Lo riferiscono fonti vicine al gruppo energetico.

    La conferma di questa nuova rotta - intrapresa a velocità piuttosto bassa, circa 6 nodi l'ora - emerge anche dall'analisi dei sistemi di rilevazione delle imbarcazioni, come quello di 'MarineTraffic', che alle 9,40 di questa mattina ha registrato un avanzamento verso est della Saipem 12000 seguito dopo circa mezz'ora da una inversione di rotta verso ovest.

    Secondo quanto scrive 'Cyprus Mail', il vice portavoce del governo cipriota Victoras Papadopoulos, ha riferito che la nave per ricerche petrolifere dell'Eni è stata costretta a cambiare rotta dopo che questa mattina è stata intercettata e minacciata di speronamento da cinque navi della Marina turca, mentre tentava di dirigersi verso il Blocco 3 nelle acque della Zona economica esclusiva di Cipro.

    Secondo Papadopoulos, il capitano della Saipem, dopo essersi consultato con i vertici dell'Eni, ha tentato di dirigersi verso la zona di esplorazioni, ma è stato poi intercettato dalle unità turche che, "hanno minacciato l'uso della forza". Il capitano, racconta Papadopoulos, "nonostante il suo coraggio e i suoi lodevoli tentativi sfortunatamente è stato costretto a invertire la rotta".

    Il portavoce del governo cipriota ha anche reso noto che le comunicazioni tra la Saipem e le navi turche sono state registrate e saranno allegate al ricorso che Cipro presenterà ai tribunali internazionali.

    Il governo cipriota, ha detto ancora Papadopoulos, è determinato ad esercitare i propri diritti sovrani sulla propria Zona economica esclusiva e anche l'Eni è determinata a far giungere la propria nave nella zona stabilita per le esplorazioni.
    [adnkronos.com]
    23/2/18

    ReplyDelete
  2. Deputy Government Spokesman Victoras Papadopoulos told the Cyprus News Agency, that after consultations between Italian company ENI and SAIPEM 12000, the captain of the drillship tried once again to drive the ship towards the Soupia (Cuttlefish) target to conduct its drilling operations.

    “During its course towards block 3 and the Soupia target the drillship was halted by five Turkish warships and after threats of violence launched (by the Turks) and the threat of a collision with the drillship, despite the courageous and commendable efforts made by the capt

    ReplyDelete
  3. In recent days, government sources in Nicosia said the Saipem 12000 wouldn't be able to remain waiting in the area if the Turkish naval block were to be extended, because it is committed to other activities planned off the coast of Morocco in the month of March.

    Based on estimates by industry professionals, costs to rent the drilling ship can reach a half-million euros per day.

    ReplyDelete
  4. Eni rinuncia, la nave Saipem lascia le acque di Cipro...

    Svolta nel caso della Saipem 12000, la nave noleggiata dall'Eni e bloccata da due settimane al largo della costa sudorientale di Cipro dalla marina militare turca, a circa 50 km dall'area designata per le sue perforazioni su licenza di Nicosia. La piattaforma sta per lasciare le acque del Mediterraneo orientale, diretta in Marocco per altre attivita', dopo essere stata nuovamente bloccata sul suo percorso di navigazione da 5 mezzi navali di Ankara, che hanno "minacciato di usare la forza".
    affaritaliani.it

    ReplyDelete
  5. Navi della Marina turca hanno impedito oggi a Saipem 12000, la piattaforma navale di Eni, di rompere il blocco imposto da Ankara due settimane fa a largo di Cipro: lo hanno riferito esponenti del governo di Nicosia, mentre continuano i tentativi di risolvere il contenzioso per via diplomatica. Secondo Victoras Papadopoulos, un portavoce dell’esecutivo cipriota, cinque unita’ turche hanno minacciato l’uso della forza costringendo il capitano della Saipem 12000 a tornare indietro.

    Del contenzioso si dovrebbe discutere in occasione di un vertice dei capi di Stato e di governo dell’Ue in corso oggi a Bruxelles
    dire.it

    ReplyDelete
  6. Il ministro dell’Energia di Cipro, Giorgos Lakkotrypis, parlando all’emittente locale «Sygma» ha riferito che il rientro di Saipem 12000 sarebbe avvenuto dopo che l’imbarcazione e’ stata fermata in mattinata da cinque navi militari turche.Versione confermata dal vice portavoce del governo cipriota, Victoras Papadopoulos, all’agenzia di stampa «Cyprus News Agency».

    ReplyDelete
  7. Saipem 12000 : Eni rig sails for Morocco after Turkey blocks Cyprus search...

    An Italian drillship blocked by the Turkish navy from exploring for gas off Cyprus was on Tuesday headed for Morocco, a website monitoring sea traffic showed.


    The Saipem 12000 vessel, chartered by Italian giant Eni, anchored off the Cypriot port of Limassol after it was forced on Friday to abandon its mission following a two-week standoff with Turkish warships.

    Ankara bitterly opposes attempts by the Greek-majority Republic of Cyprus to exploit resources in the waters off the divided island, insisting it is protecting the rights of the Turkish-Cypriot community.

    The Marine Traffic website that measures ship movements around the globe estimated that the vessel should arrive off the coast of Morocco by March 9.

    An Eni spokesman reiterated a statement by the firm's boss that the drillship "would head to Morocco and return to Cyprus when conditions allow".

    Cypriot Energy Minister George Lakkotrypis on Monday said the postponement of the test drilling was a "setback" but the government would continue with its energy search as planned.
    [france24.com/AFP]
    27/2/18

    ReplyDelete

Only News

Featured Post

US Democratic congresswoman : There is no difference between 'moderate' rebels and al-Qaeda or the ISIS

United States Congresswoman and Democratic Party member Tulsi Gabbard on Wednesday revealed that she held a meeting with Syrian Presiden...

Blog Widget by LinkWithin